MY GENERATION
EVENTO

22/01/2018 MY GENERATION

Genere: Documentario
Regia: D. Batty
Lingua: Italiano
Durata: 85 minuti

Trama: La Londra degli anni Sessanta: l’esplosione della cultura pop, la Beatlemania, la minigonna, la fame creativa. Le barriere culturali crollano e fa la sua comparsa una generazione completamente nuova: anticonvenzionali, ribelli, pieni di energia, non fanno parte di una élite aristocratica ingessata e lontana dalla realtà. Sono i giovani della working class. L’attore premio Oscar® Michael Caine ci porta per mano nella mitica Swinging London alla riscoperta degli artisti che fecero grande quella stagione culturale, dai Beatles a Twiggy, dal fotografo David Bailey a Marianne Faithfull, dai Rolling Stones alla stilista Mary Quant, creatrice della minigonna. Per raccontare con ritmo e immagini travolgenti una stagione creativa irripetibile.

Con: David Bailey, Michael Caine, Paul Mc Cartney, Mick Jagger, Keith Richards, Roger Daltrey, Marianne Faithfull, David Puttnam, Mary Quant, Twiggy

Trailer


FABRIZIO DE ANDRE' PRINCIPE LIBERO
EVENTO

23/01/2018 FABRIZIO DE ANDRE' PRINCIPE LIBERO

Genere: Biografico
Regia: L. Facchini
Lingua: Italiano
Durata: 200 minuti

Trama: «io sono un principe libero e ho altrettanta autorità di fare guerra al mondo intero quanto colui che ha cento navi in mare». C’è una citazione del pirata britannico Samuel Bellamy iscritta nelle note di copertina di uno dei dischi più belli di Fabrizio De André, “le nuvole”. e a questa frase si ispira il titolo di fabrizio de andrÉ. principe libero, il biopic a lui dedicato in arrivo sul grande e sul piccolo schermo in concomitanza con i due anniversari che ne racchiudono il viaggio: quello della scomparsa, l’11 gennaio 1999, e quello della nascita, il 18 febbraio 1940. Un appuntamento imperdibile per tutti coloro che hanno amato e amano ancora oggi le sue canzoni e un’opportunità straordinaria per godere di quella che Fernanda Pivano ha definito “la voce di Dio”. “principe” e “libero”, due parole che, accostate, raccontano molto bene De André: il magnetismo e il naturale distacco di un principe, sempre pronto a raccogliere e ad appassionarsi alle storie dei diversi, degli ultimi, dei diseredati, e a farne parabola, canzone, preghiera; la ricerca della libertà e il racconto di un viaggio fatto “in direzione ostinata e contraria”, per usare i versi di una sua canzone, che lo hanno reso il testimone e il cantore dell’uomo e della sua divina imperfezione, promuovendone valori come la tolleranza, il perdono, la comprensione, il rispetto, l’amore. Se queste sono le caratteristiche universalmente note dell’arte di Fabrizio De André, ciò su cui si concentra fabrizio de andrÉ. principe libero è l’umana avventura del suo protagonista: dall’infanzia ai capolavori della maturità, passando attraverso il racconto accurato degli anni di Genova, del rapporto con la famiglia e dell’apprendistato formativo svolto nei caruggi della città, contornato da amici vicini come Paolo Villaggio – sarà lui a coniare per De André il soprannome con cui è tuttora noto, Faber – e delicatamente più distanti, come Luigi Tenco. Seguono i primi successi – Mina che porta in televisione la sua “canzone di Marinella” –, le prime timide esibizioni dal vivo, l’incontro con Dori Ghezzi, la vita da agricoltore in Sardegna fino alle drammatiche pagine del rapimento e al successivo ritorno sulle scene. fabrizio de andrÉ. principe libero mette in scena il racconto di una personalità unica che ha segnato la storia della canzone e della cultura italiana

Con: E. Fantastichini, V. Belle', Luca Marinelli, Valentina Bellè, Elena Radonicich, Davide Iacopini, Gianluca Gobbi


25/01/2018 CHIAMAMI COL TUO NOME

Genere: Dramma - Romance
Regia: Luca Guadagnino
Lingua: Italiano
Durata: 132 minuti

Trama: Dopo un lungo e trionfale percorso tra i maggiori festival internazionali, arriva in Italia il film che ha entusiasmato la critica mondiale. Tratto del romanzo di André Aciman e co-sceneggiato da James Ivory, racconta un’estate italiana degli anni ‘80 in cui il giovane Elio, vivrà le sue prime esperienze sentimentali. Uno sguardo delicato sul pianeta delle relazioni, sulla bellezza e spontaneità degli affetti colti nel fiore del nascere. Il regista di “io sono l’amore” e “a Bigger Splash” considera il film come la chiusura di un trilogia: << Quel che lega questi tre film è la rivelazione del desiderio. La nascita del desiderio verso qualcuno, o la scoperta di essere l'oggetto del desiderio di qualcun altro>>. Candidato a 4 premi bafta

Con: Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel, Victoire Du Bois, Vanda Capriolo, Antonio Rimoldi, Peter Spears, André Aciman, Elena Bucci, Marco Sgrosso, Xhuliano Ujka

Trailer


25/01/2018 GLI INVISIBILI (DIE UNSICHTBAREN)

Genere: Drammatico
Regia: C. Rafle
Lingua: Italiano
Durata: 110 minuti

Trama: Berlino, 1943. Il regime nazista ha ufficialmente dichiarato la capitale del Reich “libera dagli ebrei”. Tuttavia alcuni di loro sono riusciti in un’impresa apparentemente impossibile: sono diventati 'invisibili' agli occhi delle autorità. Tra questi Cioma, Hanni, Eugen e Ruth, quattro giovani coraggiosi troppo attaccati alla vita per lasciarsi andare ad un triste destino. Questo film racconta la loro incredibile e commovente storia vera, rivelando un capitolo poco conosciuto della resistenza degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale

Con: M. Mauff, A. Dwyer, R. O. Fee, A. Altaras

Trailer


25/01/2018 DOWNSIZING - VIVERE ALLA GRANDE (DOWNSIZING)

Genere: Commedia
Regia: A. Payne
Lingua: Italiano
Durata: 138 minuti

Trama: Cosa accadrebbe se, come soluzione al problema della sovrappopolazione, un gruppo di scienziati norvegesi scoprisse il modo di ridurre gli uomini ad esseri viventi di 12 centimetri? Con la promessa di una vita migliore Paul e sua moglie decidono di abbandonare la loro vita per farsi rimpicciolire e trasferirsi in una nuova comunità ‘ridotta’. Alexander Payne, candidato 3 volte all’oscar come Miglior Regista (“paradiso Amaro”, “nebraska”) si addentra nella vita di un uomo la cui ordinaria esistenza viene stravolta da un vortice di situazioni molto più grandi di lui. Si ride, molto, e si riflette sulle paure contemporanee. Sceneggiatura forte sorretta dalle imperdibili interpretazioni di Damon, Waltz e Hong Chau (candidata al Golden Globes). Film d'apertura della Mostra Internazionale D'arte Cinematografrica di Venezia 2017

Con: M. Damon, C. Waltz, H. Chau, K. Wiig

Trailer


DAVID HOCKNEY DALLA ROYAL ACADEMY OF ARTS (DAVID HOCKNEY AT THE ROYAL ACADEMY OF ARTS)
EVENTO

30/01/2018 DAVID HOCKNEY DALLA ROYAL ACADEMY OF ARTS (DAVI...

Genere: Documentario
Regia: P. Grabsky
Lingua: Italiano
Durata: 85 minuti

Trama: il docufilm che racconta le due grandi mostre dedicate all’artista negli ultimi cinque anni dalla Royal Academy of Arts di Londra. Membro della Royal Academy dal 1991, David Hockney – uno degli artisti britannici più famosi al mondo – ha un rapporto unico con l’istituzione, per i cui spazi realizza le due mostre ad hoc, trasformandole in due eventi spettacolari. Le sue esposizioni a Londra, Parigi, New York attraggono sempre un numero altissimo di visitatori e ora gli spettatori avranno modo di conoscere anche su grande schermo uno dei maestri del 21° secolo, l’artefice di opere iconiche come a Bigger Splash e a Closer Grand Canyon, ascoltando l’intervista all’artista a cura di Tim Marlow, Direttore Artistico della Royal Academy of Arts. Hockney avrà modo di raccontare il suo primo viaggio all’estero, in Egitto nel 1963, il dolore per la morte dell’amico Jonathan Silver e le tecniche innovative che sta abbracciando in questi anni, come disegni e video realizzati con l’ipad. Ad arricchire il percorso anche i pareri dei critici d’arte Martin Gayford e Jonathan Jones, e quelli di Edith Devaney (senior Contemporary Curator della Royal Academy of Arts) che posò due volte per l’artista

Trailer