ROYAL OPERA BALLETT - DON CHISCIOTTE
EVENTO

19/02/2019 ROYAL OPERA BALLETT - DON CHISCIOTTE

Genere: Musicale
Regia: Kenneth Branagh
Lingua: Italiano
Durata: 180 minuti

Trama: The Royal Ballet Don Chisciotte Dal capolavoro di Cervantes arriva nelle sale in diretta da Londra uno dei balletti più briosi al mondo! In diretta via satellite al cinema Martedì 19 febbraio 2019 ore 20. 15 Don Chisciotte Coreografia: Carlos Acosta Coreografia orginale: Marius Petipa Musica: Ludwig Minkus Durata ca. 2h45min. compreso un intervallo i dettagli delle performance live sono soggetti a variazioni. Per consultare cast e dettagli (vedi qui). L’appuntamento di febbraio 2019 con la Royal Opera House al cinema sarà per martedì 19 febbraio alle 20. 15, quando Don Chisciotte, il capolavoro di Cervantes coreografato da Marius Petipa sulle musiche di Ludwig Minkus, verrà trasmesso nei cinema italiani in diretta via satellite dalla Royal Opera House di Covent Garden, a Londra. Questo affascinante balletto, qui nella vibrante produzione di Carlos Acosta, la sua prima per il Royal Ballet, esplora i temi dell’amore, dell’amicizia, dell’avventura. Il goffo cavaliere Don Chisciotte e il suo fedele scudiero Sancho Panza incontrano tra gli altri una disperata coppia di amanti, Kitri (akane Takada) e la sua dolce metà Basilio, impossibilitati a sposarsi in quanto il padre di Kitri vuole che lei si unisca in matrimonio con il benestante Gamache. Don Chisciotte, col suo fare eroico, interviene e convince Gamache a dare il consenso per il matrimonio di Kitri e Basilio. La produzione di Carlos Acosta del 2013, qui orchestrata e arrangiata da Martin Yates, porta il calore spagnolo e la gioia sul palco. Acosta aggiunge energia e spirito al balletto, in particolare con la nuova coreografia per la scena gipsy del Secondo Atto, che accoglie i musicisti sul palco per lasciar esplodere al massimo l’atmosfera vivace della scena. Si tratta di un allestimento brioso che coinvolge l’intera compagnia nei ruoli di paesani esuberanti e gitani appassionati. Brillante, affascinante, divertente e toccante, Don Chisciotte è un balletto ricco di emozioni positive e di straordinari virtuosismi tecnici.

Trailer


21/02/2019 UN UOMO TRANQUILLO (COLD PURSUIT)

Genere: Thriller - Dramma - Azione
Regia: Hans Petter Moland
Lingua: Italiano
Durata: 118 minuti

Trama: Nels Coxman (liam Neeson) è un uomo semplice, fiero di essere un diligente cittadino della sua città nel Colorado, dove ha vinto il premio dell’anno per l’impegno nel suo lavoro di spazzaneve. Improvvisamente, la sua vita viene sconvolta quando il figlio viene ucciso da un potente boss della droga locale soprannominato il Vichingo. Alimentato dal bisogno di vendetta e armato di artiglieria pesante, questo improbabile eroe si propone di smantellare il cartello con estrema precisione, nel tentativo di arrivare al vertice della catena che ha ucciso suo figlio

Con: Liam Neeson, Laura Dern, Emmy Rossum, Tom Bateman, William Forsythe, Julia Jones

Trailer


21/02/2019 THE FRONT RUNNER - IL VIZIO DEL POTERE

Genere: Commedia - Dramma
Regia: Jason Reitman
Lingua: Italiano
Durata: 113 minuti

Trama: gary hart, senatore democratico, in piena corsa presidenziale. accusato di avere una relazione extraconiugale, dovr rispondere alla consorte e agli elettori delle foto che lo inchiodano

Con: Hugh Jackman, Vera Farmiga, J.K. Simmons, Alfred Molina, Sara Paxton, Mamoudou Athie, John Bedford Lloyd, Spencer Garrett, Steve Coulter, Ari Graynor, Kaitlyn Dever, Toby Huss, Steve Zissis, Bill Burr, Mike Judge, Kevin Pollak, Tommy Dewey, Molly Ephraim, Josh Brener, Mark O'brien, Alex Karpovsky, Oliver Cooper, Chris Coy, Courtney Ford, Theodore Murphy, Evan Castelloe, Jennifer Landon, William Walker, Jonny Pasvolsky, Gabriel Manak, Lee Armstrong, Jenna Kanell, Randy Havens

Trailer


21/02/2019 MODALITA' AEREO

Genere: Commedia
Regia: Fausto Brizzi
Lingua: Italiano
Durata: 100 minuti

Trama: Modalità Aereo, il film diretto da Fausto Brizzi, racconta la storia di Diego e Ivano. Diego (paolo Ruffini) è un imprenditore bello, ricco, famoso, tutta la sua vita è dentro un cellulare di ultima generazione. Ivano (lillo) pulisce i bagni dell’aeroporto, non è bello, non è ricco, non è famoso. Possiede un cellulare del 1994 di cui va molto fiero. Un giorno, poco prima di imbarcarsi su un volo per Sidney (24 ore di volo), Diego dimentica il telefonino nella toilette vicino al gate. Ivano lo trova. . . ma non lo restituisce. Ha un giorno di tempo per cambiare in meglio la sua vita, utilizzando il telefonino di Diego. Dopo quelle fatidiche ore trascorse in “modalità aereo”, le vite di entrambi non saranno più le stesse

Con: Lillo Petrolo, Paolo Ruffini

Trailer


21/02/2019 PARLAMI DI TE (UN HOMME PRESSE')

Genere: Drammatico
Regia: H. Mimran
Lingua: Italiano
Durata: 100 minuti

Trama: Parlami di te, di Hervé Mimran con l’eccezionale Fabrice Luchini, Premio Coppa Volpi per La Corte. Dal 21 febbraio al cinema. Alain è un rispettato uomo d'affari e un brillante oratore, sempre in corsa contro il tempo. Nella vita, non concede alcuno spazio alle distrazioni e alla famiglia. Un giorno, viene colpito da un ictus che interrompe la sua corsa e gli lascia come conseguenza una grave difficoltà nell'espressione verbale e una perdita della memoria. La sua rieducazione è affidata a Jeanne, giovane logopedista. Con grande impegno e pazienza, Jeanne e Alain impareranno a conoscersi e alla fine ciascuno, a modo suo, tenterà di ricostruire se stesso e di concedersi il tempo di vivere

Con: F. Luchini, L. Bekhti, R. Marder

Trailer


TINTORETTO - UN RIBELLE A VENEZIA
EVENTO

25/02/2019 TINTORETTO - UN RIBELLE A VENEZIA

Genere: Documentario
Regia:
Lingua: Italiano
Durata: 95 minuti

Trama: Ha costruito la sua carriera come proto-rock star _david Bowie Il primo regista della storia. _jean-paul Sartre Figlio di un tintore, da cui il suo nome d’arte, Tintoretto (1519-1594) è infatti l’unico grande pittore del Rinascimento a non aver mai abbandonato Venezia, nemmeno negli anni della peste. Immergendoci nella Venezia del Rinascimento e attraversando alcuni dei luoghi che più conservano la memoria dell’artista, dall’archivio di Stato a Palazzo Ducale, da Piazza San Marco alla Chiesa di San Rocco, verremo così guidati attraverso le vicende di Jacopo Robusti, in arte Tintoretto, dai primi anni della sua formazione artistica fino alla morte, senza trascurare l’affascinante fase della formazione della sua bottega, luogo in cui lavorano anche alcuni dei suoi figli, Domenico, che erediterà l’impresa del padre, e l’amatissima Marietta, talentuosa pittrice. Ideato e scritto da Melania g. Mazzucco e con la partecipazione straordinaria del regista Peter Greenaway, il film sarà narrato dalla voce di Stefano Accorsi e arriverà nelle sale cinematografiche solo per tre giorni, il 25, 26, 27 febbraio 2019, distribuito da Nexo Digital nell’ambito del progetto della Grande Arte al Cinema. Attraversando la vita del pittore, un artista spregiudicato e inquieto caratterizzato da un’infinita voglia di indipendenza e un amore assoluto per la libertà, Tintoretto. Un Ribelle a Venezia delineerà i tratti della Venezia del 1500, un secolo culturalmente rigoglioso che vede tra i suoi protagonisti altri due giganti della pittura come Tiziano e Veronese, eterni rivali di Tintoretto in un’epoca in cui la Serenissima conferma il suo dominio marittimo diventando uno dei porti mercantili più potenti d’europa e affronta la drammatica peste del 1575-77, che stermina gran parte della popolazione lasciando un segno indelebile nella Laguna. È proprio durante la peste che Tintoretto crea il suo ciclo più importante. In una Venezia deserta, cupa e spettrale, con i cadaveri degli appestati lungo i canali, Tintoretto rimarrà in città per continuare la sua più grande opera: il ciclo di dipinti della Scuola Grande di San Rocco, una serie di teleri che coprono la maggior parte delle pareti dell’edificio intitolato alla celebre confraternita. Nessuno all’epoca, nemmeno Michelangelo nella Cappella Sistina, vantava di aver firmato ogni dipinto all’interno di un edificio. Ad accompagnare lo spettatore attraverso le vicende di Tintoretto, saranno chiamati numerosi esperti come gli storici dell’arte Kate Bryan, Matteo Casini, Astrid Zenkert, Agnese Chiari Moretto Wiel, Michel Hochmann, i co-curatori della mostra Tintoretto 1519-2019 di Palazzo Ducale, Frederick Ilchman e Tom Nichols, le scrittrici Melania g. Mazzucco e Igiaba Scego, le restauratrici Sabina Vedovello e Irene Zuliani, impegnate nel restauro delle Due Marie di Tintoretto. Il documentario osserverà infatti anche le analisi dettagliate che permetteranno a una squadra italiana di restaurare due capolavori di Tintoretto: “maria in meditazione” (1582 – 1583) e “maria in lettura” (1582 – 1583). Grazie al sostegno di Sky Arte, le due tele saranno infatti restaurate prima di essere esposte all’interno della mostra monografica di Tintoretto alla National Gallery of Art di Washington, in occasione dell’anniversario dei cinquecento anni dalla nascita di Tintoretto, che avverrà nel 2019

Con: Stefano Accorsi

Trailer


28/02/2019 COPIA ORIGINALE

Genere: Commedia - Dramma - Crime
Regia: Marielle Heller
Lingua: Italiano
Durata: 106 minuti

Trama: Come può qualcosa che è copiato essere originale? Quando gli editori si orientano su libri sempre più corrivi, la scrittrice Lee Israel si trova senza lavoro. i suoi best-seller (biografie su Katharine Hepburn ed Estée Lauder) non la salvano dal tracollo economico. Passa allora a redditizie truffe letterarie: falsifica i carteggi di celebrità decedute (da Noël Coward a Dorothy Parker). Falso e originale, copia e collezionismo, riproducibilità intellettuale e crisi tecnologica. Una commedia agrodolce, divertente, corrosiva e personale che riflette sul talento e l’ambizione. Ispirata alle memorie della scrittrice Lee Israel, le interpretazioni di Melissa Mccarthy e Richard e. Grant. Presentato nella sezione Festa Mobile del Torino Film Festival

Con: Melissa Mc Carthy, Richard E. Grant, Dolly Wells, Anna Deavere Smith, Jane Curtin, Stephen Spinella

Trailer


LA CASA DI JACK (THE HOUSE THAT JACK BUILT)
SALUTO AL PUBBLICO
V. M. 18 anni

28/02/2019 LA CASA DI JACK (THE HOUSE THAT JACK BUILT)

Genere: Drammatico
Regia: L. Von Trier
Lingua: Italiano
Durata: 155 minuti

Trama: Il regista più geniale e controverso del cinema mondiale, Lars Von Trier, rivisita una delle storie più affascinati e macabre dei nostri tempi, quella di Jack Lo Squartatore. Stati Uniti, 1970. Jack è un ingegnere psicopatico con tendenze ossessivo-compulsive. Dopo aver ammazzato una donna che gli aveva chiesto soccorso per strada, si convince di dover continuare ad uccidere per raggiungere la perfezione. Ogni suo omicidio deve essere un’opera d’arte, sempre più complessa e ingegnosa. Inizia così una partita a scacchi con la polizia, lunga dodici anni, condotta dal più astuto e spietato omicida seriale. Straordinari i protagonisti: Matt Dillon, Uma Thurman e Bruno Ganz

Con: M. Dillon, U.Thurman, B. Ganz, R. Keough


28/02/2019 DOMANI E' UN ALTRO GIORNO

Genere: Drammatico
Regia: Simone Spada
Lingua: Italiano
Durata: 100 minuti

Trama: Giuliano (marco Giallini) e Tommaso (valerio Mastandrea) sono amici da trent’anni e li aspettano i quattro giorni più difficili della loro amicizia. Tommaso vive da tempo in Canada e insegna robotica. Giuliano è rimasto a Roma e fa l’attore. Entrambi sono romani “dentro”, seppur con caratteri molto diversi: Giuliano estroverso e pirotecnico, Tommaso riservato e taciturno. Giuliano, l’attore vitalista, seduttore e innamorato della vita è condannato da una diagnosi terminale e, dopo un anno di lotta, ha deciso di non combattere più. Ai due amici di una vita rimane un solo compito, il più arduo, quasi impossibile: dirsi addio. e hanno solo il tempo di un lungo weekend, quattro giorni

Con: Valerio Mastandrea, Marco Giallini

Trailer


28/02/2019 I VILLEGGIANTI

Genere: Dramma
Regia: Valeria Bruni Tedeschi
Lingua: Italiano
Durata: 125 minuti

Trama: Una grande e bella proprietà in Costa Azzurra. Un posto che sembra essere fuori dal tempo e protetto dal mondo. Anna arriva con sua figlia per qualche giorno di vacanza. In mezzo alla sua famiglia, ai loro amici e al personale di servizio, Anna deve gestire la sua separazione e la scrittura del suo prossimo film. Dietro le risate, la rabbia, i segreti, nascono rapporti di supremazia, paure e desideri. Ognuno si tappa le orecchie dai rumori del mondo e deve arrangiarsi con il mistero della propria esistenza. Un autobiografia immaginaria che prende spunto dal reale per poi godere di un’eco di magia. Cast d’eccezione per un film autentico, suggestivo e rocambolesco. Presentato Fuori Concorso al Festival di Venezia 2018

Con: Valeria Bruni Tedeschi, Pierre Arditi, Valeria Golino, Noémie Lvovsky, Yolande Moreau, Laurent Stocker, Bruno Raffaelli, Marisa Bruni Tedeschi, Riccardo Scamarcio

Trailer


08/03/2019 GLORIA BELL

Genere: Dramma - Romance
Regia: Sebastián Lelio
Lingua: Italiano
Durata: 102 minuti

Trama: Remake americano dell’omonimo film del regista Premio Oscar® Sebastián Lelio, con protagonista il Premio Oscar® Julianne Moore. Gloria Bell è una donna di cinquant’anni con due figli ormai adulti e un divorzio alle spalle; nonostante la routine e la solitudine di tutti i giorni, non ha nessuna intenzione di smettere di godersi la vita e di credere all’amore, tra notti di balli sfrenati nei club di Los Angeles e amanti passeggeri. Durante una di queste serate, incontra Arnold (john Turturro): tra i due nasce una passione inaspettata, che li travolgerà con tutte le sue gioie e, soprattutto, le sue complicazioni. Ma per Gloria Bell, in fondo, nulla è insuperabile finché si può continuare a ballare. Un ritratto femminile di stupefacente onestà e sensibilità impreziosito da nuovi grandi interpreti. Nel cast anche Michael Cera (juno), Sean Astin e Alanna Ubach

Con: Julianne Moore, John Turturro, Michael Cera, Caren Pistorius, Brad Garrett, Jeanne Tripplehorn, Rita Wilson, Sean Astin, Holland Taylor, Tyson Ritter, Barbara Sukowa, Cassi Thomson, Alanna Ubach

Trailer


DIABOLIK SONO IO
EVENTO

11/03/2019 DIABOLIK SONO IO

Genere: Documentario
Regia: G. Soldi
Lingua: Italiano
Durata: 85 minuti

Trama: Solo 11-12-13 Marzo 2019 al cinema Il docu-film che propone un inedito identikit del mitico ladro creato dalle sorelle Giussani. Un’indagine avvincente sul mistero del primo disegnatore di Diabolik, inspiegabilmente scomparso senza lasciare tracce dopo aver consegnato le tavole del primo albo della saga. Scritto da Mario Gomboli e Giancarlo Soldi. Con rari materiali d’archivio e la partecipazione straordinaria, tra gli altri, di Gianni Bono, Andrea Carlo Cappi, Massimo Cantini Parrini, Alfredo Castelli, Tito Faraci, Carlo Lucarelli, Milo Manara, i Manetti bros. Diabolik sono io con Luciano Scarpa – Claudia Stecher – Stefania Casini – Riccardo Mei – Manuela Parodi – Marco Vivio-francesca Fiorentini – Paolo Buglioni Soggetto e Sceneggiatura: Mario Gomboli e Giancarlo Soldi Fotografia: Giuseppe Baresi Montaggio: Silvia Di Domenico Musica: Teho Teardo Scenografia e Costumi: Valentina di Palma Regia: Giancarlo Soldi Prodotto da Maite Bulgari Nato nel 1962 dalla fantasia di Angela e Luciana Giussani e protagonista dell’omonima testata, diabolik è tuttora uno dei fumetti più venduti in Italia e un’icona assoluta del mondo della letteratura disegnata. Ora, per la prima volta, la storia di questo straordinario personaggio verrà raccontata in un docu-film prodotto da Anthos Produzioni con Rai Cinema in collaborazione con la casa editrice Astorina. Diabolik sono io verrà distribuito nelle sale da Nexo Digital come evento speciale solo per tre giorni, l’11, 12, 13 marzo, e guiderà gli spettatori attraverso la storia dell’intuizione di due giovani ed entusiaste imprenditrici milanesi nei primi anni ‘60, le sorelle Giussani, capaci di dar vita al Re del Terrore e al suo mondo. Oltre a mostrare rari materiali d’archivio della casa editrice, il docu-film, scritto da Mario Gomboli assieme a Giancarlo Soldi, che ne firma anche la regia, si rivelerà anche un’indagine avvincente che cercherà una possibile spiegazione del mistero legato ad Angelo Zarcone, il disegnatore del Numero Uno di Diabolik, inspiegabilmente scomparso senza lasciare tracce dopo aver completato le tavole di quel primo albo. Di Zarcone, soprannominato ‘il tedesco’ per la carnagione chiara e i capelli biondi, si sa soltanto che dopo aver consegnato alla redazione Astorina le tavole de Il re del terrore, il primo numero di Diabolik, sparì senza lasciare recapiti. Sembrava essersi volatilizzato. Si narra che nel 1982, in occasione del ventennale della testata, Angela e Luciana assoldarono persino il famoso investigatore Tom Ponzi per ritrovare Zarcone, ma il misterioso disegnatore si era come dissolto nel nulla. Un uomo in fuga, un latitante, un’ombra nera che si aggira nella notte, cosa succederebbe se quel disegnatore si trovasse oggi a cercare se stesso? Chi troverebbe? Angelo Zarcone oppure Diabolik? Partendo da questo spunto, il docu-film immagina di tratteggiare un identikit quanto più accurato del Re del Terrore, avvalendosi di una galleria di testimoni dell’olimpo’ del fumetto, Milo Manara, Mario Gomboli, Alfredo Castelli, Tito Faraci, Gianni Bono, Giuseppe Palumbo, di esperti del noir come Carlo Lucarelli e Andrea Carlo Cappi, di registi visionari come i Manetti bros. , del costumista Massimo Cantini Parrini oltre che della partecipazione straordinaria di Stefania Casini nei panni dell’avvocato Bianca Rosselli. Anche se a fare da fil rouge della narrazione saranno ancora una volta loro, le sorelle Giussani, grazie a un’intervista ‘senza tempo’ riemersa dalle Teche Rai, un materiale preziosissimo, che insieme ai ‘super8 ritrovati’ dei viaggi di Angela e Luciana attorno al mondo, alle tavole storiche dell’archivio Astorina e agli omaggi disegnati dal vivo da Giuseppe Palumbo, contribuiranno a dare vita a un ritratto mai visto prima dell’eroe del fumetto. Dopo il suo esordio nel 1962, il fumetto dedicato a Il Re del Terrore, dal nome del primissimo albo, raggiunse in breve tempo altissime tirature diventando un fenomeno di costume studiato da sociologi ed esperti di comunicazione. Il formato degli albi di Diabolik, di piccola dimensione per poter essere tascabili, venne ideato per venire incontro alle esigenze dei pendolari che Angela Giussani osservava ogni mattina dalla finestra di casa sua, nelle vicinanze della stazione Cadorna, a Milano. Precursore del genere del fumetto nero italiano, Diabolik ha generato a partire dal 1964 numerosi epigoni, che non hanno però mai intaccato il suo successo e sono ormai scomparsi dalle edicole. Da oltre cinquant’anni Diabolik viene edito senza interruzioni e ha superato gli 850 episodi pubblicati; i primi numeri della serie hanno raggiunto elevate quotazioni di mercato nel collezionismo. Dalla sua nascita ad oggi Diabolik ha venduto quasi 150 milioni di copie

Trailer


14/03/2019 BOOK CLUB

Genere: Commedia - Dramma - Romance
Regia: Bill Holderman
Lingua: Italiano
Durata: 104 minuti

Trama: Book Club, il film diretto da Bill Holderman. racconta la storia di Carol (mary Steenburgen), Diane (diane Keaton), Vivian (jane Fonda), Sharon (candice Bergen), quattro donne alle prese con gli eterni problemi sentimentali. La loro vita scorre piuttosto noiosa fino a quando la lettura di Cinquanta Sfumature di Grigio la cambierà irrimediabilmente. Ispirandosi allo scandaloso romanzo, vivranno nuovi amori, vecchi ritorni di fiamma, situazioni esilaranti e sconvenienti… Saranno finalmente pronte a entrare nel nuovo capitolo della loro vita?

Con: Diane Keaton, Jane Fonda, Candice Bergen, Mary Steenburgen, Craig T. Nelson, Andy García, Don Johnson, Richard Dreyfuss, Alicia Silverstone, Katie Aselton

Trailer


14/03/2019 BOY ERASED

Genere: Dramma
Regia: Joel Edgerton
Lingua: Italiano
Durata: 114 minuti

Trama: Boy Erased - Vite cancellate racconta la vera storia della crescita, della presa di coscienza e della dichiarazione della propria omosessualità di Jared Eamons (lucas Hedges), figlio di un pastore battista di una piccola città dell'america rurale, che all'età di 19 anni ha deciso di aprirsi con i suoi genitori (nicole Kidman e Russell Crowe), riguardo alle proprie preferenze sessuali. Temendo di perdere la famiglia, gli amici e la chiesa cui appartiene, Jared viene spinto a partecipare ad un programma di terapia di conversione. Mentre è lì, Jared entra in conflitto con il suo terapeuta (joel Edgerton) e inizia per lui il viaggio alla ricerca della propria voce e per accettare il suo vero io.

Con: Lucas Hedges, Nicole Kidman, Russell Crowe, Joel Edgerton, Xavier Dolan, Troye Sivan, Jesse La Tourette, Britton Sear, Joe Alwyn, Flea, Drew Scheid, Jesse Malinowski, Joy Jacobson, Randy Havens

Trailer


GAUGUIN A TAHITI - IL PARADISO PERDUTO
EVENTO

25/03/2019 GAUGUIN A TAHITI - IL PARADISO PERDUTO

Genere: Documentario
Regia: C. POLI
Lingua: Italiano
Durata: 90 minuti

Trama: gauguin a tahiti. il paradiso perduto Il mito del selvaggio. Il fascino dell’esotico che diventa leggenda. Solo il 25-26-27 Marzo 2019 al cinema Il film evento con soggetto di Marco Goldin e Matteo Moneta, sceneggiatura di Matteo Moneta e regia di Claudio Poli dedicato all’artista che lasciò tutto per seguire la sua ispirazione primitiva e reinventare completamente la pittura occidentale. Con la partecipazione straordinaria di Adriano Giannini e la colonna sonora originale di Remo Anzovino. Io sono un selvaggio, un lupo nel bosco senza collare _paul Gauguin Da Tahiti alle Isole Marchesi. È il primo aprile del 1891 quando, a bordo della nave Océanien, Paul Gauguin lascia Marsiglia diretto a Tahiti, in Polinesia. Ha quarantatré anni e quella giornata segna l’inizio di un viaggio che porterà l’artista agli antipodi della civiltà, alla ricerca dell’alba del Tempo e dell’uomo. Ai Tropici, Gauguin (1848-1903) resterà quasi senza intervalli fino alla morte: dodici anni di disperata e febbrile ricerca di autenticità, di immersioni sempre più profonde nella natura lussureggiante, di sensazioni, visioni e colori ogni volta più puri e accesi; l’approdo definitivo in un Eden talvolta crudele che farà di lui uno dei pittori più grandi di sempre tra quelli che si ispirarono alle Muse d’oltremare. In arrivo nei cinema italiani solo il 25, 26 e 27 marzo come nuovo appuntamento del progetto della Grande Arte al Cinema, è un viaggio alla ricerca delle origini quello proposto da gauguin a tahiti. il paradiso perduto, il nuovo docu-film con la partecipazione straordinaria di Adriano Giannini, diretto da Claudio Poli, su soggetto di Marco Goldin e Matteo Moneta, che firma anche la sceneggiatura, e prodotto da 3d Produzioni e Nexo Digital con il sostegno di Intesa Sanpaolo. Ripercorrendo le tracce di una biografia che appartiene ormai al mito e di una pittura raffinatamente primordiale, il film evento, che vanta una colonna sonora originale firmata dal compositore e pianista Remo Anzovino, ci guiderà infatti in un percorso tra i luoghi che Gauguin scelse come sua patria d’elezione e attraverso i grandi musei americani dove sono custoditi i suoi più grandi capolavori: New York col Metropolitan Museum, Chicago con il Chicago Art Institute, Washington con la National Gallery of Art, Boston con il Museum of Fine Arts. Ad accompagnare lo spettatore gli interventi di esperti internazionali: Mary Morton, curatrice alla National Gallery of Art di Washington, Gloria Groom,curatrice all’art Institute di Chicago, Judy Sund, docente della New York City University, Belinda Thomson, massima esperta di Gauguin, David Haziot, autore della più aggiornata e accreditata biografia su Gauguin. gauguin a tahiti. il paradiso perduto trasforma in immagini quel libro d’avventura che fu la vita di Gauguin, ma è anche la cronaca di un fallimento. Perché Gauguin non poté mai sfuggire alle proprie origini, alle ambizioni e ai privilegi dell’uomo moderno. Fu sempre il cittadino di una potenza coloniale: dipinse tra le palme, ma con la mente rivolta al pubblico dell’occidente. Un paradosso che si riflette nel destino della sua opera, visto che i suoi quadri oggi sono conservati in grandi musei internazionali dove ogni anno milioni di persone si fermano di fronte alle tele di Tahiti, sognando il loro istante di paradiso, un angolo di silenzio in mezzo alla folla. Ma chi è Paul Gauguin? e da cosa è nata la sua fascinazione per i Tropici? Gauguin nasce a Parigi il 7 giugno del 1848 dal giornalista Clovis Gauguin e da Aline Marie Chazal, la cui famiglia vive in Perù. È qui che Paul viene portato quando ha quattordici mesi. Ed è qui che prende il via l’iniziazione tropicale di un pittore che resterà sempre fiero del suo sangue sudamericano, tanto da sostenere con fermezza una sua parentela con gli Aztechi. Dopo il ritorno a Parigi, l’iniziazione alla pittura e all’impressionismo e i viaggi come allievo pilota sul mercantile Luzitano e nella Marina Francese, Gauguin sente di dover cercare se stesso altrove, sente di dover trovare una via di uscita dall’impressionismo. E, come sempre fa nei momenti più importanti della sua vita, parte. Lascia Parigi e una società che considera conformista, scegliendo l’asprezza e la bellezza selvaggia della costa bretone, un cuneo di roccia proteso sul vuoto dell’oceano, presagio del volo nell’ignoto che verrà spiccato solo pochi anni dopo. Sono luoghi rudi, primitivi, malinconici e Gauguin vi si reca per purificarsi: dalla città e dalle mode artistiche parigine. e si mette alla ricerca delle forme ancestrali di una nuova pittura. È proprio qui a Pont-aven che Gauguin dipingerà alcune delle sue opere più celebri, come il Cristo Giallo in cui riproduce un crocifisso ligneo ammirato nella cappella di Trémalo o La visione dopo il sermone, in cui il misticismo bretone trova forma nel cloisonnisme, con le sue campiture nette e stesure compatte di colore. a dare il senso di una fuga impossibile dal proprio retaggio di uomo “civilizzato” contribuisce il fatto che molti dei suoi maggiori capolavori sono oggi conservati in grandi, frenetiche e iper-moderne metropoli statunitensi. Ed è proprio nei musei di queste città americane, con il vetro e l’acciaio dei grattacieli, la folla, e il traffico delle highways sullo sfondo, che lo spettatore potrà scoprire l’origine della pittura di Gauguin, nei suoi diversi periodi: gli esordi, la Bretagna, il primo periodo polinesiano, il secondo e finale soggiorno tahitiano. Un’avventura del colore che inizia con il distacco dagli Impressionisti e dalle loro pennellate frammentarie, passa per i contrasti violenti con l’amico e collega Vincent Van Gogh e approda a un cromatismo nuovo, anti-naturalistico e legato ai movimenti dell’anima come quello di opere come Ia orana Maria, Nafea faa ipoipo, Aha oe feii? o Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?. Il racconto sarà accompagnato anche dalle parole dello stesso Gauguin, con brani tratti da testi autobiografici (come Noa Noa o Avant et après), dalle lettere a familiari e amici e alla moglie Mette, alla quale Paul scriverà: “verrà un giorno, e presto, in cui mi rifugerò nella foresta in un’isola dell’oceano a vivere d’arte, seguendo in pace la mia ispirazione. Circondato da una nuova famiglia, lontano da questa lotta europea per il denaro. a Tahiti, nel silenzio delle notti tropicali, potrò ascoltare il ritmo dolce e suadente del mio cuore in armonia con le presenze misteriose che mi circondano. Libero, senza problemi di denaro, potrò amare, cantare, morire”


27/03/2019 STYX

Genere: Dramma
Regia: Wolfgang Fischer
Lingua: Italiano
Durata: 94 minuti

Trama: rike salpa in solitaria con la sua barca a vela. la sua vacanza viene pero interrotta quando, dopo una tempesta, si trova vicino a un peschereccio che sta affondando e deve decidere cosa fare

Con: Susanne Wolff, Gedion Oduor Wekesa


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.